Home » GARAGE » Graham Candy “Glowing in the Dark”

Graham Candy “Glowing in the Dark”

graham_candy_glowing_in_the_dark-jpg___th_320_0

Graham Candy non aveva idea di cosa lo aspettasse quando si è imbarcato su un volo per Berlino lasciando la Nuova Zelanda. Il ragazzo che saltava la scuola per suonare la chitarra e per imparare gli accordi dai suoi amici, non immaginava che avrebbe avuto la possibilità di realizzare il suo sogno a undici fusi orari di distanza da casa.
Dopo essere stato ripreso dal preside, a Candy fu detto di frequentare la scuola o di trovarsi un piano B e lui rispose «Non ho bisogno di un piano B, perché ho intenzione di seguire il mio piano A». Graham venne poi scoperto, dal suo manager, in un piccolo bar di Auckland e, da quel giorno, la sua carriera musicale prese il volo.«I sogni si avverano se si è disposti a lavorare sodo per realizzarli» canta Graham Candy nel primo singolo “Back Into It”.
Sono passati due anni da quando, il musicista venticinquenne, era a Kreuzberg, ai Riverside studios, per registrare “She Moves” (https://www.youtube.com/watch?v=lp0J_Sv_Q3o). La canzone con Alle Farben ha raggiunto il disco d’oro in Germania vendendo oltre 170.000 copie. In vetta alle classifiche di tutta Europa, il successo della canzone ha portato Graham Candy a suonare davanti a grandi folle, il tutto a pochissimi mesi di distanza dai suoi concerti nel piccolo bar Auckland.
Ma il successo non l’ha cambiato in nessun modo: «Bisogna stare con i piedi per terra» racconta Candy «altrimenti si rischia di cadere». Con questo disco, l’artista neozelandese, ha la possibilità di mostrare a tutti il suo mondo. L’album è stato registrato con il duo di produttori tedeschi Feeling valencia con i quali ha già collaborato per l’ EP “Holding Up Balloons” uscito a marzo 2015 per BMG Rights Management (Italy).
Parallelamente alla sua carriera musicale, Graham Candy ha trovato il tempo per la sua altra passione, la recitazione, ricevendo recensioni entusiastiche per le sue performance nel remake di Footloose, in Spring Awakening, e recitando accanto a Keisha Castle-Hughes nel film Queen of Carthagening. La differenza tra la musica e la recitazione? «E’ come sfuggire per un pò, ma non è reale», racconta Candy. «Con la recitazione faccio finta di essere qualcun altro, con la musica posso essere me stesso». E’ stata la sua esperienza con il musical quando era poco più che ventenne ad aiutarlo a scoprire la sua voce e il canto.
In un arrangiamento dance o in una performance acustica, la voce di Graham Candy, eccentrica ed onesta, suona ancora come se stesse, ogni volta, aprendo qualche porta nascosta della sua anima. C’è una lunga strada, movimentata ed emozionante davanti a lui, e l’artista neozelandese è pronto, con questo disco, ad andare esattamente dove vuole, seguendo il suo piano A.
Graham sarà in tour, in Europa, fino a fine 2016. Sarà il 3 giugno al Kimm di Merano per la rassegna Uploadsounds e il 19 ottobre alla Salumeria della Musica di Milano.

Per Informazioni:
www.grahamcandymusic.com/
www.facebook.com/GrahamCandyOfficial/
www.instagram.com/grahamcandymusic/

Viviana Tasco (MA9 Promotion)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: