Arrows, il nuovo album dei KETTLE OF KITES

Scritto da il Ottobre 13, 2019

“Arrows”, secondo disco della band, è un concept album incentrato sul tema del cosmo. Ispirate dal mondo letterario dello scrittore Isaac Asimov, le 9 canzoni in esso contenute rappresentano ognuna uno scorcio e uno spaccato di vita in luoghi immaginari e pianeti sconosciuti: il giorno dell’abbandono della terra e della partenza verso Marte, la fotografia delle giganti grotte di acciaio dove gli umani sono costretti in seguito alla dispersione delle radiazioni sulla superficie del pianeta, il vivere quotidiano di abitanti di colonie di pianeti lontani. Momenti di contemplazione della volta celeste, nuovi spunti filosofici e la conseguente dissertazione sulla condizione del genere umano – obbligato a guardare alle sue radici da altri punti di vista – sono centrali in altri brani del disco: il primo sguardo di una famiglia sul pianeta terra vista dallo spazio, l’intricato concetto di Asimov ‘psychohistory’ che rende l’essere umano analizzabile e prevedibile attraverso una sistematica e complessa combinazione tra storia, sociologia, e matematica. Il disco, accompagnato dai 9 scatti della fotografa Carlotta Cardana, è una ricerca creativa su spazio, umanità, e futuro.

I Kettle of Kites sono una band che, gravitando attorno alla profonda conoscenza del cantautorato made in UK del leader Tom Stearn (scozzese e ormai genovese di adozione), alterna sonorità indie rock ad atmosfere tipiche del folk. Sperimentando tra l’ampio spettro di sfumature apportato da una strumentazione insolita, portano chi li ascolta ad assaporare al contempo chitarre elettriche librarsi strillanti in crescendo conclusivi, i “piano” di una chitarra classica in solo e il calore folcloristico di un banjo.
La loro esperienza comincia con la registrazione del primo album “Loan” (2015), auto-registrato e prodotto da Tom nel piccolo primo studio del gruppo a Genova e mixato e masterizzato dall’altra parte del globo terrestre, a Melbourne, nello studio “A Pocket Full Of Stones” da Nick Huggins e Ben TD.
I membri del gruppo (Pietro Martinelli, basso – Genova, Marco Giongrandi, chitarre – Bruxelles, Riccardo Chiaberta, batteria – Londra) uniscono le proprie esperienze musicali e delle scene musicali in cui militano per scolpire nuovi mondi, nuove immagini, nuove storie, a supporto delle composizioni di Stearn.
Il loro secondo album “Arrows” è liberamente ispirato al mondo profetizzato da Isaac Asimov, uno dei più grandi scrittori di fantascienza e divulgatori scientifici del mondo. Le 9 canzoni che lo compongono rappresentano ognuna uno scorcio e uno spaccato di vita in luoghi immaginari, pianeti sconosciuti in cui l’essere umano affronta condizioni estreme in cerca di risposte e libertà. In esse è possibile sentire sonorità a metà strada tra i Fleet Foxes e i Grizzly Bear, completate con un fine utilizzo di elementi elettronici che richiamano Radiohead e Bjork.


Traccia corrente

Titolo

Artista

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: